Fabbro Firenze
Pronto Intervento 24 ore su 24

Clicca e chiama:
☎ 366.7272279

Fabbro Firenze 24 ore su 24, 365 giorni all'anno. I migliori professionisti del settore al tuo servizio. Siamo operativi tutto l'anno, anche di notte, sabato, domenica e giorni festivi inclusi, anche ad agosto! Chiamaci se hai bisogno di un fabbro con urgenza e scopri quanto è veloce il nostro pronto intervento: 393.0134697 - 055.3234070.

Siamo operativi con il servizio fabbro Firenze in tutti i quartieri della città e in tutta la provincia di Firenze:

- fabbro Firenze

- fabbro Provincia di Firenze


Scopri tutte le novità e i nuovi servizi di Fabbro Firenze

Fabbro apertura porte

Hai bisogno di aprire una porta bloccata? La porta blindata della tua abitazione non vuole più saperne di aprirsi? Oppure vuoi cambiare la tua vecchia porta con una nuova di sicurezza? Chiamaci subito e i nostri fabbri specializzati risolveranno il tuo problema in tempi rapidi e a prezzi ragionevoli. Cosa aspetti? Metti alla prova la serietà e l'esperienza ventennale della nostra ditta!

Fabbro sostituzione serrature

Hai un problema con delle serrature? La serratura della tua porta di casa è bloccata e non riesci più ad entrare? Hai bisogno di cambiare la tua vecchia serratura difettosa? Oppure hai una chiave spezzata all'interno e sei rimasto chiuso fuori casa? Rivolgiti con fiducia alla nostra ditta con esperienza quarantennale: effettuiamo lavori di riparazione, sblocco o sostituzione serrature. Chiamaci subito!

Pronto Intervento Fabbro Firenze

Scopri i nostri servizi pronto intervento fabbro Firenze. Cambio cilindri, avvolgibili, sbloccaggio serrande, tapparelle, serrande, porte, porte blindate, finestre, serrature, persiane, infissi in ferro e alluminio, cancelli automatici e scorrevoli, casseforti, finestre blindate, porte tagliafuoco, zanzariere, cancelli, ringhiere, scale, inferriate, soppalchi, verande, recinzioni, griglie, strutture metalliche, opere artistiche, saldature.






Fabbro Firenze 24 ore in tutti i quartieri della città: 366.7272279

Fabbro Firenze: 366.7272279

 

Quartiere 1: Fabbro Firenze Centro Storico

Fabbro Firenze Centro
Fabbro Centro Storico
Fabbro Il Prato
Fabbro Fortezza da Basso
Fabbro Viali Centro Storico
Fabbro San Jacopino
Fabbro Collina Sud
Fabbro San Gaggio

 

Quartiere 2: Fabbro Firenze Campo di Marte

Fabbro Campo di Marte
Fabbro Le Cure
Fabbro Viali Campo di Marte
Fabbro Bellariva
Fabbro Coverciano
Fabbro Settignano
Fabbro Collina Nord

 

Quartiere 3: Fabbro Firenze Gavinana - Galluzzo

Fabbro Gavinana
Fabbro Galluzzo
Fabbro San Gaggio
Fabbro Collina Sud
Fabbro Sorgane
Fabbro Ponte a Ema

 

Quartiere 4: Fabbro Firenze Isolotto - Legnaia

Fabbro Isolotto
Fabbro Legnaia
Fabbro Argingrosso
Fabbro Cintoia
Fabbro I Bassi
Fabbro La Casella
Fabbro Le Torri
Fabbro Mantignano
Fabbro Monticelli
Fabbro Pignone
Fabbro San Lorenzo a Greve
Fabbro Soffiano
Fabbro San Quirico
Fabbro Torcicoda
Fabbro Ugnano

 

Quartiere 5: Fabbro Firenze Rifredi

Fabbro Statuto
Fabbro Romito
Fabbro Viali Rifredi
Fabbro Fortezza da Basso
Fabbro Rifredi
Fabbro Careggi
Fabbro Castello
Fabbro Collina Nord
Fabbro Novoli
Fabbro Firenze Nova
Fabbro Brozzi
Fabbro Le Piagge
Fabbro Peretola

 





FABBRO FIRENZE NEWS

I lavori effettuati e tutte le novità

 

 

Sostituire la porta blindata

Porte blindate Firenze: 366.7272279

1 dicembre 2016

Se hai necessità di sostituire la tua vecchia porta blindata oggi è indubbiamente più semplice tramite le detrazioni fiscali, così potrai avere una porta blindata nuova più sicura per la tua abitazione. La porta blindata costituisce il filtro per eccellenza tra ambiente esterno ed ambiente interno. La sua funzione principale è quella di salvaguardare gli spazi domestici da intrusioni e garantire quindi sicurezza. Le prime porte blindate erano meno dotate di quelle di ultima generazione nelle quali invece ritroviamo meccanismi più all'avanguardia ed un design più curato.

Sostituzione e detrazioni fiscali

Se si sta ristrutturando casa ed emerge la necessità di cambiare la vecchia porta blindata con una nuova è bene essere a conoscenza del fatto che l'intervento in questione rientra tra le opere per cui si può beneficiare della detrazione fiscale. Con le novità introdotte nel Decreto Legge n. 83 del 2012, per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 30 giugno 2013, la detrazione Irpef aumenta al 50% e raddoppia il limite massimo di spesa. È possibile, cioè, detrarre dall'Irpef una parte delle spese affrontate per rinnovare le abitazioni.

Tra gli interventi che rientrano nelle detrazioni sono inclusi gli interventi attinenti all'assunzione di misure di sicurezza per evitare il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi. Si considerano come atti illeciti: furto, aggressione, sequestro di persona, etc. Nello specifico, per quanto concerne il furto, ritroviamo tra queste misure: sostituzione o installazione di porte blindate e di cancelli, inserimento di grate sulle finestre, sostituzione di serrature, spioncini, installazione di rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti, installazione di saracinesche, tapparelle metalliche con bloccaggi, vetri antisfondamento e rilevatori antifurto.

 

Pensiline per auto

Pensiline per auto a Firenze: 366.7272279

17 novembre 2016

Tettoie per auto

Se si decide di installare una tettoia per la tua automobile in genere si preferiscono materiali come il legno lamellare, materiale versatile, flessibile e allo stesso tempo resistente e funzionale, che permette soluzioni progettuali su misura per te, adeguandosi ad ogni contesto architettonico. Una pensilina per auto, costruita con una struttura indipendente, indubbiamente può compensare l'assenza di un box in muratura presente nell'edificio.

Varianti pensiline per auto

Molte sono le varianti per la realizzazione di una pensilina per auto, la struttura si può distinguere per la copertura piana o a capriata, o ancora curva ad onda o anche su design personalizzato, commissionando il lavoro ad imprese artigianali che creano il progetto in base alle tue esigenze. Può essere realizzata su misura in ferro o con altri materiali. Sono presenti sul mercato del settore kit di assemblaggio per comporre una pensilina, ma di solito non si rivelano soddisfacenti per l'utente. A tal proposito si consiglia, se l'esigenza del cliente è diversa dai prodotti disponibili sul mercato, di optare per un professionista, come i nostri esperti, che la realizzi e la installi a dovere. Per questo genere di lavoro puoi rivolgerti alla nostra azienda, un team di tecnici specializzati si recherà presso la tua abitazione per eseguire il lavoro di cui hai bisogno. Le pensiline per auto, la cui struttura è composta da profili in alluminio anodizzato, argento e giunti in acciaio, non ha bisogno di alcun trattamento di manutenzione.

La struttura si monta rapidamente senza scavi di fondazione, perché le basi in cemento vengono fissate a terra con tasselli o picchetti in base alla consistenza del terreno. La copertura modulare si adatta anche per più coperture. L'assetto strutturale assicura equilibrio statico e resistenza alle sollecitazioni dei carichi neve e vento. Il design può essere personalizzato e la struttura si può modificare scegliendo tra una vasta gamma di colori e può essere completata con illuminazione a Led ed eventualmente predisposta per supportare pannelli fotovoltaici, pannelli in policarbonato, ecc. La pensilina può anche essere realizzata in alluminio con copertura a telo PVC e dal design leggero ed elegante. Altra soluzione è il pergolato ombreggiante in alluminio, con profili a sezione ridotta, disponibile nella versione autoportante o fissata ad una parete, la cui copertura è data da un intreccio di teli in PVC ignifugo.

 

Cerniere per serrature elettriche

Cerniere serrature elettriche a Firenze: 366.7272279

3 novembre 2016

Nel settore dei sistemi e delle tecnologie del controllo degli ingressi, specie quando si tratta di gestire da remoto l'apertura di porte o portoncini di accesso, o di cancelli esterni, carrabili e pedonali, le serrature elettriche sono i dispositivi standard su cui si fa fede per la realizzazione di tali tipi di impianti. Tali elementi hanno aggiunto gran comfort alla vita quotidiana, abrogando l'obbligo di dover fisicamente aprire ogni sistema di accesso ogni qual volta fosse utile, creando però, altre problematiche inesistenti con l'utilizzo delle serrature tradizionali.

Le problematiche più ricorrenti, sono quelle che interessano un malfunzionamento delle serrature elettriche: una volta tali avarie si verificavano con l'interruzione dell'alimentazione elettrica dalla rete, mentre con le più sicure serrature elettriche moderne, possono esserci problemi con quelle che hanno una sola bobina di comando dell'espulsore, ragion per cui sono da prediligere quelle a doppia bobina, più sicuri. Con l'incremento delle dotazioni tecnologiche degli impianti di controllo da remoto, dove aumentano le agevolazioni vanno comunque potenziati diversi componenti delle serrature elettriche e del sistema-porta in generale, tra i quali, fondamentali sono le cerniere.

 

Isolare le pareti e detrazioni fiscali

Isolamento pareti a Firenze: 366.7272279

20 ottobre 2016

Per i lavori di ristrutturazione di una certa importanza si può beneficiare della detrazione sul risparmio energetico solo se si hanno i giusti requisiti. Ci sono innanzitutto requisiti riguardanti l'immobile su cui si interviene: deve essere esistente, deve essere sempre stata pagata l'Ici e deve essere già esistente un impianto di riscaldamento. Inoltre l'intervento di isolamento delle pareti deve interessare porzioni di parete o intere pareti che limitano il volume riscaldato verso l'esterno o verso ambienti non riscaldati. Il semplice isolamento delle pareti non basta per fruire della detrazione sul risparmio energetico. È indispensabile, a tal proposito, che in seguito all'intervento di isolamento le pareti abbiano valori di trasmittanza termica uguali o inferiori a quelli riportati nella tabella ufficiale.

Se è rilevato un basso valore di trasmittanza collima un'elevata capacità della parete di arrestare il passaggio del calore e quindi prestazioni energetiche notevoli. E' per questo che si parla di valori limite massimi di trasmittanza. Si parla ad esempio di zone climatiche sono definite in base alla differenza tra la temperatura che normalmente si mantiene nelle nostre case riscaldate (20°C) e la temperatura media esterna. In Italia ci sono notevoli differenze climatiche tra le regioni, che portano ad avere ad esempio al nord temperature medie esterne inferiori rispetto ad alcune regioni del sud. Dunque è comprensibile che una parete, per condurre ad un reale risparmio energetico, debba giungere a valori di trasmittanza diversi in base alla zona climatica in cui viene costruita. I Comuni del territorio italiano sono suddivisi, in base alle loro caratteristiche climatiche.

Una volta trovata la zona climatica di nostro interesse potremo di conseguenza conoscere il valore limite di trasmittanza che la parete da isolare deve rispettare per accedere alla detrazione fiscale per il risparmio energetico. Tecniche di isolamento delle pareti per ottenere la detrazione del 65%. La normativa sulla detrazione per il risparmio energetico non indica quali tecniche o materiali utilizzare per isolare le pareti. Viene semplicemente richiesto il raggiungimento di valori di trasmittanza complessivi delle pareti inferiori a quelli indicati in tabella e differenziati in base alla zona climatica in cui si trova l'edificio. Per la normativa non è quindi importante la tecnica impiegata, ma il raggiungimento dello scopo finale, ossia il risparmio energetico.

 

Porte interne innovative

Porte innovative a Firenze: 366.7272279

6 ottobre 2016

Le porte interne a filo muro, a battente o scorrevoli, si rivelano la soluzione perfetta per chi vuole arredare uno spazio secondo uno stile essenziale. La scelta delle porte interne in un appartamento è essenziale sull'aspetto degli ambienti: prediligere le giuste finiture, in armonia con l'arredamento, e scegliere il funzionamento adeguato alle proprie esigenze e allo spazio. Tenendo presente le necessità degli utenti, le aziende favoriscono e incrementano la produzione di porte scorrevoli su binario interno, pensate per tutti coloro che vivono in piccoli ambienti nei quali è vitale eludere lo spreco di spazio dato dall'ingombro dell'anta di una porta.

Evoluzione delle porte

Non solo per dividere gli ambienti e assicurare la privacy, le porte, sia per interni che per esterno, si trasformano in elementi di design in grado di arredare svolgendo la funzione per cui sono state ideate. Devono risultare idonee all'ambiente in cui saranno inserite e scelte con i rivestimenti e i meccanismi più adeguati. I rivestimenti solitamente si scelgono in base all'arredamento della casa o ai materiali di finitura degli infissi; oppure altri utenti preferiscono installare porte con stampe o finiture in totale distacco con la scelta dell'arredamento, così da metterle in chiaro risalto. Mentre per chi predilige uno stile essenziale e minimalista, la necessità è mimetizzare al massimo le porte.

Oramai è fattibile mediante l'ultima evoluzione in termini di ricerca: la realizzazione di porte a filo muro, nelle quali non esistono cerniere e cornici, senza nessuna finitura esterna ma solo con l'anta a vista. Le porte interne a filo muro nascono dalla necessità di "far sparire" qualsiasi elemento che serva per l'apertura e la chiusura delle stesse: cerniere, coprifili, stipiti vengono celati per permettere alla porta di integrarsi perfettamente nella muratura. A tal proposito è possibile scegliere una porta con qualsiasi tipo di finitura: verniciata delle stesso colore della parete, all'insegna della perfetta mimetizzazione, in vetro, con qualsiasi tipo di maniglia, e perfino a due tipi di aperture: la classica, a battente, e scorrevole.

 

Casseforti

Casseforti Firenze: 366.7272279

22 settembre 2016

Installare una cassaforte in casa è alquanto frequente, forse perché nonostante le innumerevoli modalità per salvaguardare e conservare denaro e preziosi, la cassaforte incarna il simbolo per eccellenza della sicurezza. Nel caso in cui si stiano per apportare delle modifiche alla propria abitazione potrebbe essere il momento opportuno per decidere di dotare la vostra casa di una cassaforte robusta e resistente. Poiché tali interventi implicano possibili opere murarie è bene essere tempestivi ed intervenire durante i lavori di ristrutturazione. Molteplici sono i modelli di casseforti disponibili sul mercato che possono adattarsi al meglio alle vostre esigenze.

Innanzitutto bisogna valutare se la si vuole incassare in un muro o semplicemente dentro un mobile. E' fondamentale saldare la cassaforte alla parete o al pavimento così che il malintenzionato non riesca ad estrarla e derubarvi. La cassaforte deve possedere precisi requisiti per risultare eccelsa nell'esplicare la sua funzione, ossia deve essere antieffrazione e ignifuga, così da essere persino immune ad un incendio. I modelli ignifughi sono provvisti di doppie pareti e doppia porta isolata con un'intercapedine piena di calcestruzzo. È consigliabile che la cassaforte venga saldata su materiali che siano durevoli come il calcestruzzo o la pietra dura. Installando la cassaforte dentro a un muro per prima cosa bisogna stimarne lo spessore, solitamente si necessita di un muro di 30 cm di profondità.

Se vuoi installare una cassaforte o hai bisogno di un intervento per aprire la cassaforte bloccata chiamaci con fiducia al 366.7272279.

 

L'importanza dei controtelai per porta scorrevole

Porte scorrevoli a Firenze: 366.7272279

8 settembre 2016

I controtelai di porte scorrevoli a scomparsa sono strutture necessarie a predisporre e accogliere il pannello porta. La predisposizione di un appartamento porta a valutare l'impiego di porte scorrevoli a scomparsa nel muro, così da ottimizzare gli spazi ridotti oltre che facilitare i passaggi da una stanza all'altra. A tal proposito infatti mettiamo in evidenza che gli attuali appartamenti, presentano superfici molto più ridotte rispetto a prima, hanno un'estensione sui 70 o 80 mq, ragione per cui gli architetti si impegnano a studiare e progettare soluzioni salva spazio a soddisfacimento di tutte le funzioni primarie.

L'open space è considerata la moda del momento, per quanto concerne la progettazione degli ambienti da giorno, si tratta di uno spazio unificato della zona giorno con cucina, sala da pranzo e salotto in connessione, al più separato da filtri leggeri e di tipo mobile oppure da pareti vetrate o di cartongesso provviste di pannelli scorrevoli chiudibili al momento del bisogno. Succedere di trovarsi nella situazione in cui dalla porta d'ingresso si giunga subito alla zona pranzo o soggiorno, con visuale anche delle camere da letto che dunque non sono separate da un corridoio; questa è la situazione ideale in cui poter fruire delle porte scorrevoli che al bisogno creano un corridoio filtro rispetto alla zona notte offrendo più privacy.

Controtelaio per porta scorrevole

Inserire porte scorrevoli a scomparsa nel muro di forati o in parete di cartongesso vuol dire individuare il controtelaio più idoneo alle necessità strutturali oltre che estetiche dell'appartamento dal momento che le porte sono componenti d'arredo e non più solo membri tecnici. Durante la progettazione ed i lavori di divisione e costruzione degli spazi occorre sin da subito individuare dove poter inserire le porte scorrevoli e dove no, per informare i costruttori e lasciare uno spazio adatto all'inserimento del telaio nel caso, di porte a battente, oppure di controtelaio con porte scorrevoli; per questi ultimi si destina un vuoto di larghezza pari al doppio della luce della porta più altri centimetri in base al tipo scelto.

 

Vetrate artistiche

Vetrate artistiche a Firenze: 366.7272279

11 agosto 2016

Le vetrate artistiche, sempre più in voga nell'arredo di interni, costituiscono una componente d'arredo elegante ed insolita per conferire un tocco personale alla propria casa. Esteticamente gradevoli mediante dei giochi di luce e ai molteplici disegni e forme, sono in grado di creare un'atmosfera piacevole e anche sofisticata. Le vetrate artistiche sono combinate con qualunque stile d'arredo, si devono però prediligere motivi e cromie che siano in sintonia con il resto dell'arredamento e sarà possibile ornare con una bella vetrata molte parti della casa. Le vetrate artistiche vengono montate sulle finestre ma possono essere applicate anche su porte a vetri o per rivestire le pensiline.

Proprietà e stili delle vetrate artistiche

Il vetro è un materiale che ultimamente è stato molto rivalutato ed impiegato per impreziosire ed alleggerire l'architettura d'interni. Soprattutto negli appartamenti moderni, è possibile ritrovare non solo porte e finestre con vetrate artistiche, ma anche le scale e i pavimenti sono spesso realizzati interamente in vetro. Non fanno eccezione le pareti separatorie, negli ambienti moderni, sono sempre più di frequente realizzate totalmente in vetro. Il vetro può risultare poi un buon isolante termico, in quanto contrasta la dispersione di calore e rende possibile un buon risparmio energetico all'interno delle mura domestiche. Per quanto concerne l'aspetto estetico il vetro attribuisce ad ogni ambiente leggerezza e trasparenza, conferendo così eleganza ad ogni tipo di interno.

Le vetrate artistiche in particolare sono in grado di rendere gradevole qualunque ambiente e possono essere create attraverso diverse tecniche ed essere decorate secondo molti stili. La scelta oscilla tra motivi decorativi moderni, essenziali e lineari, che si rispecchiano nella produzione di motivi geometrici. Giungendo poi a motivi floreali, realizzate sempre secondo uno stile leggero sia nelle forme che nei colori. Di solito, le vetrate con decorazioni geometriche potranno essere abbinate a stili d'arredo moderni ed essenziali mentre quelle con disegni floreali e naturalistici ad un arredo più classico. Comunque, un diverso accostamento non crea eccessivi contrasti a livello estetico, basta non si ecceda con le decorazioni nella quantità.

 

Sbloccare una serratura

Sblocco serrature a Firenze: 366.7272279

28 luglio 2016

Essere innanzi ad una serratura bloccata e ad una porta che non si vuole più aprire è una circostanza piuttosto frequente e le ragioni possono essere molteplici. Il blocco può essere causato dalla presenza di polvere o ruggine all'interno della serratura oppure da una scarsa lubrificazione. In altri casi invece il difetto può essere di origine meccanica e avere origine da un problema negli ingranaggi. Se la problematica è causata da polvere o ruggine che ristagnano nella serratura si dovrebbe prima provare con un lubrificante. Poi inserire la chiave e girarla sia in senso orario che antiorario più volte, fino a quando la serratura non si sarà sbloccata. Bisogna non forzare troppo durante questa operazione e muovere la chiave in modo molto delicato.

Usare troppa forza potrebbe infatti peggiorare la situazione e generare ulteriori problemi negli ingranaggi. Se invece la serratura risulta bloccata per motivi meccanici è meglio esaminare il problema con maggiore attenzione ed agire di conseguenza. Se infatti ci troviamo in presenza di una vera e propria rottura della serratura, sarà necessario effettuare la sostituzione della medesima. Se invece si tratta solo di un blocco e la chiave rimane intrappolata nella toppa, può essere che gli ingranaggi col tempo si siano alterati e la serratura si trovi nella posizione del salto di mappa. Ciò potrebbe voler dire che la chiave gira bene ma le lamelle no. Per risolvere il problema, servirà incidere la lamiera dove è inserita la chiave con un oggetto ben appuntito.

L'incisione dovrà essere eseguita in corrispondenza del righino in rilievo presente sull'estremità dentellata della chiave, in seguito afferrare la chiave e cercare di tirarla fuori. Se tali metodi non dovessero risultare efficaci a questo punto conviene contattare necessariamente un fabbro per risolvere la situazione e senza apportare ulteriori danni. Infatti sbloccare la serratura della porta blindata non è cosa da poco. Puoi rivolgerti alla nostra azienda, un tecnico specializzato e con le attrezzature più idonee si recherà a casa tua, sbloccando la serratura con professionalità ed in men che non si dica.

 

Isolamento acustico e termico grazie agli infissi

Isolamento termico e acustico Firenze: 366.7272279

14 luglio 2016

La capacità di isolare acusticamente un immobile dipende dalla massa superficiale, data dal peso al metro quadrato, che è peculiare di ogni materiale e cambia a seconda della natura dello stesso, alla forma e allo spessore. A tal proposito in una parete esterna, dove i muri devono essere uniformi e compatti, l'elemento più delicato viene rintracciato nei serramenti e in particolare dai vetri. Per assicurare un buon isolamento acustico il primo passo è dato dalla sostituzione di vetri semplici con la vetrocamera.

Perché un vetro assicuri un buon abbattimento acustico c'è bisogno che:

- si accresca la rigidità della lastra;
- si ingrossi lo spessore della camera d'aria;
- si ampli lo spessore delle lastre;
- si riempia la vetrocamera con gas;
- sia sigillato ad hoc.

È bene sapere che non è solo il vetro imputabile della tenuta acustica. Per ottenere un ottimo isolamento acustico bisogna essere certi che la finestra sia saldata bene alla parete, le parti che la costituiscono siano indeformabili ed salvaguardino un contatto perfetto tra gli elementi fissi e quelli mobili. Una soluzione più drastica ed efficace è naturalmente quella di sostituire ex novo gli infissi con i nuovi modelli ideati e certificati proprio per attenuare i problemi di isolamento acustico e termico. Buoni sistemi isolanti sono offerti dagli infissi a taglio termico. In modo particolare, gli infissi più all'avanguardia in allumino consentono di appurare la trasmissione termica ed acustica. Speciali profilati fatti da poliammide rinforzato con fibra di vetro, infatti, ostacolano il passaggio del rumore e della temperatura esterna.

 

La funzione delle bocche di lupo

Bocche di lupo a Firenze: 366.7272279

30 giugno 2016

Le bocche di lupo sono necessarie per garantire la giusta aerazione ai locali interrati e seminterrati. Cantine e ambienti seminterrati, anche se non sono conteplati tra gli ambienti abitabili urgono di provvedimenti per ottimizzarne l'utilizzo, in tal caso si tratta di realizzare delle bocche di lupo. Le bocche di lupo sono delle aperture per rendere possibile l'areazione e l'illuminazione di locali seminterrati e interrati, esse vengono realizzate in calcestruzzo, vetroresina o polipropilene. La parte esterna, può essere realizzata in vetrocemento, che agevola l'illuminazione, mentre se i locali necessitano anche di areazione, a quel punto è preferibile installare una griglia metallica.

Se è necessario fruire delle bocche di lupo bisogna prestare la giusta attenzione durante la progettazione, capita a volte di doverli realizzare in un secondo momento per risanare locali interrati, che, pur presentando aperture, necessitano di ulteriore areazione. Il sistema della bocca di lupo è dato da un corpo che rappresenta la bocca di lupo vera e propria, una sorta di recipiente prefabbricato, con un lato inclinato, prodotto con materiali differenti. Poi alla base c'è un foro per il drenaggio delle acque piovane, dove inserire il sifone per espellere l'acqua. In ultimo, la griglia ubicata a protezione con l'esterno.

 

Porte finestre scorrevoli a sollevamento

Porte finestre scorrevoli a Firenze: 366.7272279

16 giugno 2016

Le finestre o porte finestre scorrevoli a sollevamento sono sempre più presenti nelle abitazioni moderne, questo perché le agevolazioni sono molteplici, in primis il risparmio energetico. Il design ricopre un ruolo non indifferente, decidere di installare delle porte scorrevoli a sollevamento nella propria casa, è una scelta alquanto intelligente. Le grandi vetrate attribuiscono all'edificio un senso di leggerezza e modernità, consentendo di dare luogo ad ambienti interni di particolare luminosità.

Le finestre e le porte scorrevoli a sollevamento possono essere prodotte con serramenti e finiture di vari materiali. Immediata è la percezione di un ambiente ampio e ricco di luce, proprio grazie alle immense dimensioni delle finestre e delle porte finestre che tale sistema è in grado di supportare in sicurezza. Ciò però non può compromettere l'isolamento termico, tanto più notevole quanto più è ampia la superficie in vetro e il profilo degli infissi. Tra i vantaggi bisogna menzionare l'efficienza di tali strutture: il sistema scorrevole a sollevamento consente di creare minimo ingombro. Serramenti moderni e di qualità traspaiono anche dal loro semplice impiego, ultraleggeri ma, al medesimo tempo, capaci di assicurare un idoneo isolamento acustico e termico, sia d'inverno che d'estate.

Scorrevoli tradizionali o scorrevoli a sollevamento quali sono le differenze?

Abbiamo a che fare con dei serramenti che propongono risultati differenti. In particolare, rispetto al sistema di scorrimento tradizionale, lo scorrimento a sollevamento è perfetto per l'impiego di vetrate molto ampie, eludendo l'attrito dell'anta e agevolando il suo scorrimento. Il loro funzionamento è elementare: i serramenti scorrevoli a sollevamento posseggono carrelli direttamente collegati al meccanismo della serratura. Un ulteriore optional fa prediligere i sistemi scorrevoli a sollevamento rispetto ai sistemi scorrevoli tradizionali: dato che l'anta viene fatta scorrere dopo essere stata sollevata da terra, non si presenta più l'ostacolo che gli infissi creano attrito ed è possibile conseguire un maggiore isolamento con le guarnizioni a tenuta ottimale capaci di combaciare perfettamente all'anta chiusa. Così si potrà beneficiare di notevole risparmio di energia termica.

 

Montaggio porte interne

Porte interne Firenze: 366.7272279

2 giugno 2016

Il montaggio delle porte interne è un intervento che necessita di estrema professionalità. Viene eseguito fissando il serramento nel vano murario sagomato o con il montaggio del serramento su di un apposito supporto, cioè il controtelaio. Il primo sistema di montaggio è più che mai in disuso a causa delle difficoltà di inserimento dell'infisso nella sagoma del vano. Il sistema con controtelaio invece è molto utilizzato, anche usando materiali differenti: i privilegiati sono il legno e la lamiera di ferro zincata.

I problemi causati da un montaggio errato possono impedire la corretta apertura o chiusura delle porte. I controtelai in lamiera zincata hanno l'incredibile vantaggio dell'immutabilità nel tempo e di non subire le deformazioni che, soprattutto nel corso della loro installazione, patiscono invece quelli in legno quando vengono bagnati da calce e cemento. Il controtelaio, in base alle istruzioni del settore in materia, deve possedere determinate caratteristiche per quanto riguarda qualità, prezzo e durata, ma oltre a queste non devono essere tralasciate altre due esigenze di tipo funzionale, cioè deve essere funzionale da installare e deve agevolare l'installazione del serramento da parte dei tecnici.

Va da sé che un controtelaio costruito celermente e non abbastanza rigido può anche essere più economico, ma causerà in seguito ai montatori una perdita di tempo con spese non indifferenti. Intelligente si rivela l'idea di alcuni produttori di controtelai, di segnare sul controtelaio la quota di riferimento a 100 cm dal pavimento per semplificare l'installazione da parte dei muratori. Un altro accorgimento di frequente messo in pratica dai costruttori è di fare il controtelaio più alto di un paio di centimetri in modo tale che questa parte che avanza vada a finire annegata nel pavimento, così da conseguire una considerevole stabilità in seguito agli inevitabili urti che in cantiere possono esserci. Il metodo di fissaggio della porta al controtelaio è essenziale, per garantire nel tempo una buona durata della porta, lasciare spazi vuoti tra controtelaio e porta montata, comporta dei danni all'infisso ed alla muratura adiacente.

 

Cancelli di sicurezza

Cancelli di sicurezza Firenze: 366.7272279

19 maggio 2016

La salvaguardia della sicurezza dela tua casa può iniziare da una recinzione solida che non trasgredisca quanto deliberato nei Regolamenti Edilizi Comunali, che preservano non solo l'ordine del decoro urbano, ma soprattutto la sicurezza dei cittadini. Per inserire un valido sistema di recinzione risulta essere fondamentale l'accesso e la chiusura della proprietà, ossia l'installazione di un cancello di sicurezza. Il cancello adatto per la propria abitazione deve essere valutato le condizioni topografiche, ambientali e logistiche di un luogo.

Se dovesse esserci l'esigenza di prediligere un cancello scorrevole, si tratta senz'altro un cancello autoportante, resistente e tecnologicamente avanzato può essere perfetto per te. C'è molta attenzione per la struttura ed il design, il cancello viene infatti prodotto secondo le tecniche più innovative che garantiscono una funzionalità eccelsa. Questo genere di cancello potrebbe essere la soluzione ideale per le tue esigenze.

Possiamo proporre anche un modello di cancello scorrevole che presenta una caratteristica insolita: senza binario e funzionante tramite il nuovo sistema di tensione incluso nel riquadro del cancello. Dunque niente ingombri o componenti superflue. Tale peculiarità ne rende possibile l'impiego sia nelle istallazioni in ambito residenziale che commerciale ed industriale. A questi cancelli possono essere applicati elementi complementari come pannelli completamente zincati o in grigliato elettrosaldato, poi zincato e verniciato, o ancora con diversi altri tipi di pannellature. I carrelli di scorrimento sono stati ideati e realizzati per supportare lo sforzo di base del cancello nel corso dello spostamento.

 

Perché coibentare le pareti interne?

Coibentazione pareti interne Firenze: 366.7272279

4 maggio 2016

Decidere di coibentare le pareti della tua abitazione si rivela un intervento importante specie se si vogliono conseguire dei risparmi in termini economici. Isolare termicamente una casa, significa in termini pratici che il calore prodotto dagli impianti di riscaldamento o l'aria fresca prodotta dagli impianti di ventilazione e raffrescamento non vengano dissolti nell'ambiente, passando per infissi, pareti e tetti. Tale problematica in genere si presenta nelle vecchie abitazioni, in cui si rileva uno spreco notevole di energia necessaria per riscaldare o raffreddare un appartamento. A tal proposito si opta di intervenire ristrutturando casa, uno dei primi obiettivi che ci si prefigge è quello di isolarla termicamente. Questo perché le spese sostenute per eseguire tali lavori si riveleranno poi lungimiranti quando verranno ammortizzate nel tempo. Infatti riscontrerai un notevole risparmio in termini di consumo di energia, nonché un comfort maggiore nella tua casa. La diffusione di questa esigenza da parte degli utenti ha condotto le aziende ad essere tempestive nella produzione di materiali isolanti termici che sono facili da trovare.
 
Può capitare, se si tratta di vecchi edifici, che le pareti della casa siano senza intercapedine, dunque per poterle isolare sarà necessario inserire uno strato di materiale isolante termico sulla faccia interna o esterna. Si tratta dell'isolamento a cappotto, di coibentazione interna, cioè la realizzazione di uno strato di isolamento interno che verrà incollato sulla parete oppure con degli elementi di fissaggio in legno o in metallo. Tra le varie possibilità la migliore sicuramente è quella che vede l'impiego di pannelli di isolanti termici costituiti da una lastra di cartongesso da 10 mm di spessore, alla quale è addossato un pannello in fibra di vetro, rivestito da un'efficace barriera al vapore. Un buon materiale per l'isolamento è dato anche dalla lana di vetro che rende possibile isolare sia i muri che i pavimenti o le coperture. Sul mercato del settore si può reperire la lana di vetro in rotoli, lana di vetro in pannelli o raddoppiata con una lastra di gesso, e si presenta in vari spessori. Per la coibentazione delle pareti interne della tua casa, rivolgiti ad un tecnico qualificato.

 

Rivestimento per porte blindate

Pannelli rivestimento porte blindate Firenze: 366.7272279

21 aprile 2016

Anche la porta blindata della propria abitazione oggi si può personalizzare ed armonizzare con l'ambiente della vostra casa. Le porte blindate sono essenziali per la sicurezza della propria famiglia ed abitazione. Oltre ai fattori relativi a qualità e caratteristiche di funzionalità, si aggiungono ora anche fattori estetici, non necessariamente legati solo al materiale di base. Molteplici sono infatti i rivestimenti per porte blindate perfetti per le più diverse esigenze.

Nel momento in cui bisogna operare la scelta del rivestimento della propria porta blindata è bene considerare alcuni particolari importanti per non imbattersi in problemi in un secondo momento, come ad esempio gli agenti atmosferici, a cui spesso le porte sono soggette nel corso del tempo. Naturalmente essenziale è il materiale impiegato per la produzione della porta. In base al fatto che questa sia da interno o esterno, cambia la resistenza, non solo alla pioggia, ma anche all'esposizione alla luce del sole, che spesso risulta essere più logorante generando infatti una scoloritura antiestetica. Spesso le porte blindate non sono usate solo per l'esterno, ma in pianerottoli e scale interne di condomini. A tal proposito, indipendentemente dal disegno di rifinitura, si può optare per legno liscio, senza il rischio che la pioggia e gli agenti atmosferici, compresa la luce diretta del sole, rischino di rovinare la superficie.

I rivestimenti per porte blindate del tipo intelaiato sono invece da prediligere quando la porta di sicurezza è in una posizione protetta dalle piogge e dal sole, almeno dislocata nelle vicinanze di tettoie apposite, con profondità intorno al metro, che consentono di tutelare lo strato superficiale. Mentre se la porta blindata è situata in un luogo esposto alle variazioni atmosferiche, è meglio impiegare dei rivestimenti prodotti con materiali molto resistenti, come il compensato marino. Così sarà necessario solo un intervento di manutenzione da fare con cadenza annuale, per mantenere il livello estetico della rifinitura superficiale in buone condizioni. Se non si vuole praticare la manutenzione ordinaria una volta all'anno, e la porta blindata è esposta totalmente agli agenti atmosferici, è bene preferire dei pannelli di rivestimento in alluminio, in acciaio inox o in alluminio finestrato. Essi sono capaci di supportare senza problemi, anche per lungo tempo, luce diretta solare, pioggia battente e sbalzi di temperatura. I pannelli di rivestimento in alluminio inoltre hanno inoltre la peculiarità di non causare problemi anche in zone marine dove è implicita la presenza di salsedine. Per l'installazione dei rivestimenti per le porte blindate della vostra abitazione potete contattare la nostra azienda.

 

Restauro di ringhiere storiche

Restauro ringhiere storiche a Firenze: 366.7272279

7 aprile 2016

Se devi restaurare delle ringhiere storiche in ferro battuto, dei tuoi balconi, scale o giardino, è essenziale adottare alcuni accorgimenti pratici al fine di evitare danni irreparabili. Le abitazioni nei centri storici sono veri e propri patrimoni di bellezza architettonica e culturale. Dunque anche le ringhiere meritano di essere riportate al loro splendore iniziale tramite un opportuno intervento di saldatura che conservi lo stile originario dell'epoca a cui risalgono.

Le ringhiere in ferro battuto di palazzi storici necessitano di una particolare attenzione e cura. Spesso si riscontrano danni nel loro restauro per la deformazione degli elementi lineari sagomati, causata dalla fragilità strutturale del profilo, o dalla perdita delle parti decorative. Data la delicatezza dell'operazione è indispensabile rivolgersi solo ad esperti qualificati in questo specifico settore, noi possiamo metterli a tua disposizione. La ringhiera non può essere rimossa dal luogo d'origine per effettuare il restauro, dunque bisogna lavorare sul posto. I nostri specialisti, prima di cominciare a intervenire sulla ringhiera, eseguono una ricostruzione geometrica del disegno originario dei vari elementi.

Durante questa operazione delicata si valutano balaustre similari collocate in altri edifici dell'area tramite la comparazione con foto, disegni e documenti trovati all'archivio storico. A questo punto i nostri fabbri restauratori procedono, tramite cannello, a riscaldare ciascuno dei pezzi deformati, fino a raggiungere una temperatura incandescente. Dopo, grazie a due martelli, il primo utilizzato come appoggio e l'altro per battere l'oggetto, si raddrizza il pezzo tramite piccole percussioni, badando di mantenere la conformazione originaria. Dopo aver riportato la ringhiera storica alla sua bellezza originaria, il fabbro conclude il suo lavoro con la pitturazione di tutta la struttura, utilizzando una vernice non coprente (trasparente) al fine di non eliminare quella patina originale che contraddistingue l'elemento storico.

Per eseguire interventi di restauro su ringhiere storiche è importante affidarsi a personale estremamente competente: contattaci con fiducia al 366.7272279.

 

La rete elettrosaldata

Rete elettrosaldata Firenze: 366.7272279

24 marzo 2016

Solitamente la rete elettrosaldata viene utilizzata per irrobustire i massetti per pavimenti, le tipologie e le lavorazioni sono varie. La rete elettrosaldata è una componente adoperato in campo edile, consiste in un intreccio di cavi d'acciaio, essi dopo essere stati saldati creano una maglia quadrata regolare d diverse dimensioni.

In cosa consiste la rete elettrosaldata?

La rete elettrosaldata viene prodotta in fabbrica, e per la sua creazione si usano fili trafilati in acciaio. Di alta precisione risulta in particolare un'operazione durante la lavorazione ossia la realizzazione dei giunti, le saldature devono risultare perfette. La tipologia di produzione prende il nome di fabbricazione per resistenza elettrica. Le reti elettrosaldate con acciaio a più alto tenore di carbonio, ovvero con un'alta resistenza alla trazione, presentano delle caratteristiche differenti, che coinvolgono anche altri aspetti come ad esempio la qualità della saldatura. Qualsiasi problematica nel corso di tale procedimento implicherebbe anomalie nella forma della struttura elaborata. Le tipologie di saldatura da mettere in pratica su una rete metallica in modo tale che diventi elettrosaldata sono svariati, ma in particolare uno solo consente che di conseguire un uguale saldatura ed è la saldatura per resistenza elettrica che non implica una riduzione del diametro dei fili longitudinali, ma al contrario la aumenta nel nodo della saldatura, rendendola quindi più massiccia e duratura nel tempo. Sul mercato hanno un gran successo le reti elettrosaldate prodotte in pannelli che per particolari necessità si diversificano di dimensione. Mentre se la rete elettrosaldata deve essere realizzata per armare grandi superfici, per praticità nel trasporto e nella posa in opera, si potranno impiegare le reti in rotolo. Per quanto riguarda la differenza tra le due, le reti in rotolo usano fili di diametro inferiore, che consentono alla rete di arrotolarsi su se stessa, cosa che invece non è attuabile per le reti elettrosaldate in pannelli che usano fili di grande diametro, si presentano difficoltà nell'arrotolamento. Queste reti hanno una notevole espansione non solo per la loro versatilità, ma perché sono garanti di sicurezza alle strutture costruite.

 

Come isolare le pareti, il solaio e il tetto

Tappeti isolanti Firenze: 366.7272279

10 marzo 2016

Un buon isolamento termico degli edifici consente di limitare le emissioni e conseguire risparmi in bolletta. Una parete esposta a nord e non abbastanza massiccia consiste in una grande superficie refrigerante che, d'inverno, abbassa la temperatura di una stanza. Una esposta a sud d'estate rende l'ambiente eccessivamente afoso. Per eludere entrambi i problemi è preferibile foderare la parete con un materiale isolante.

Per farlo è necessario creare un'intelaiatura, saldata alla parete, capace di sostenere dei pannelli isolanti e ulteriori pannelli di finitura o altro rivestimento a vista. Con tale sistema si realizza un cappotto isolante, dall'interno della parete, che è in grado di ridurre in modo considerevole la trasmissione di calore e insonorizzarla dai rumori esterni. Il fabbro fisserà il telaio (in listelli da 40 x 40 mm) con tasselli a espansione lasciando degli spazi vuoti rettangolari larghi 1 metro e alti non più di 1,5 m. Se la stanza è umida è meglio trattare prima i listelli con un protettivo antimuffa. Negli spazi vuoti inserirà, quindi, dei pannelli di polistirolo o di poliuretano espanso che fisserà temporaneamente. In seguito procederà al rivestimento con pannelli in legno o in cartongesso.

Isolare il solaio con un tappeto isolante

Il solaio risulta di solito, l'area dell'appartamento che disperde più calore perché il caldo sale verso l'alto e viene a contatto con i soffitti delle stanze. Se il solaio non è isolato l'aria si raffredda tantissimo. In estate, al contrario, il sottotetto si surriscalda e tramanda eccessivo calore alle stanze. Se il solaio deve essere pedonabile è meglio procedere in un altro modo. In commercio sono reperibili pannelli rigidi e tappeti di materiali altamente isolanti. Il tappeto, ad esempio, è particolarmente pratico perché si stende con facilità e si adegua alle sagomature del solaio. Il tecnico dopo aver pulito la superficie del solaio stenderà i tappeti uno all'altro, evitando di lasciare zone scoperte. Sopra i tappeti è possibile applicare dei pannelli in compensato o in truciolare che consentono di camminarvi sopra senza danneggiare il rivestimento isolante.

Isolare il tetto

Si può valutare la possibilità di isolare il tetto. In genere esso presenta travature che corrono dal colmo fino alla base. Tra esse c'è uno spazio che può anche essere superiore al metro. In questo spazio è, solitamente, possibile applicare rotoli di lana di vetro rivestiti oppure pannelli isolanti rigidi di altro genere. Il metodo di fissaggio e il procedimento di applicazione variano in base al tetto. Possono essere impiegati i pannelli rigidi, chiodi con testa larga oppure di particolari tasselli con testa a forma radiale che sono prodotti per questo intervento. L'isolante non deve essere a vista per è meglio provvedere a un rivestimento. Si possono usare i pannelli di legno o di cartongesso.

 

Realizzare una veranda

Verande Firenze: 366.7272279

25 febbraio 2016

Un porticato aperto, un terrazzo limitrofo al soggiorno o parte di un balcone da fruire come ripostiglio: sono tutte situazioni in cui ci si può trovare di fronte alla possibilità di far costruire una veranda, sia che presenti una struttura in legno o in metallo, con serramenti apribili o fissi. La veranda, in base alla grandezza, può essere adoperata come un banale ma utile ripostiglio, ma anche come ampliamento della casa verso l'esterno, quindi in essa è possibile ricavare una zona per il pranzo, per il relax o per lo studio. Oppure con determinate condizioni ambientali, la veranda può essere intelligentemente impiegata come serra per la coltivazione di piante.

La veranda dunque aggiunge alla casa una stanza in più, aumentandone il valore commerciale e il pregio estetico, se realizzata con precisi criteri, perché implica una modifica della facciata. È bene però essere a conoscenza del fatto che la veranda comporta, dal punto di vista urbanistico, un aumento di volumetria dell'immobile ed esteticamente comporta un cambiamento della facciata. L'immobile in cui si vuole creare la veranda deve avere ancora una volumetria restante da sfruttare. Poi questo nuovo volume deve essere tale che vengano comunque rispettati i requisiti aero illuminanti previsti dal regolamento d'igiene. Inoltre, possono esserci altri principi previsti dai regolamenti locali, come ad esempio non poter oltrepassare una certa ampiezza, l'utilizzo di precisi materiali, o una percentuale da rispettare per le superfici finestrate.

A tal proposito, prima di dare inizio alla sua realizzazione, sarà bene contattare un professionista abilitato che, in base a quanto prescritto dal Piano Regolatore comunale e dal Regolamento Edilizio, valuterà, nel caso si tratti di un edificio unifamiliare, la possibilità di eseguire l'intervento e nel caso si possa procedere, allestisca un adeguato progetto. Qualora si tratti invece di un edificio condominiale, sarà necessario richiedere, oltre al permesso comunale, anche il consenso preventivo dell'assemblea dei condomini, che dovranno acconsentire all'intervento all'unanimità. Questo consenso dovrà poi essere allegato alla richiesta da inoltrare al comune.

Nel momento in cui si costruisce una veranda, visto che si crea un aumento di volumetria, è necessario richiedere un permesso di costruire, sempre che questo aumento volumetrico sia compreso nei parametri accordati dalla strumentazione urbanistica locale. In questo caso sarà necessario aspettare il provvedimento favorevole del responsabile del procedimento nominato dal Comune, prima di iniziare con i lavori.

Se la veranda consiste nella chiusura di un balcone si ha in più una modifica consistente della facciata, pertanto si stimerà anche il modo in cui incide sull'estetica della stessa. In questo caso, quindi, dopo aver presentato un progetto a firma di tecnico abilitato, corredato da una relazione tecnica che accerti la rispondenza a tutti i requisiti normativi richiesti, passati 30 giorni senza che siano intervenuti provvedimenti contrari da parte del Comune, possono iniziare i lavori.

 

Automatismi per porte scorrevoli

Automatismi per porte scorrevoli Firenze: 366.7272279

11 febbraio 2016

Le porte scorrevoli si possono vedere generalmente all'ingresso di negozi, attività aperte al pubblico come banche e uffici, supermercati e centri commerciali. Da oggi però è possibile usufruire di questo comfort anche per il tuo appartamento.

Capita infatti di sentirsi affaticati nello svolgere le mansioni in casa, soprattutto nel trasportare oggetti di un considerevole peso da un ambiente ad un altro. Un valido aiuto può derivare dall'automatismo per porte scorrevoli a scomparsa. Chiaramente si tratta anche di una soluzione indirizzata all'arredamento e funzionalità di una casa moderna o di un ufficio di un certo prestigio.

Le personalizzazioni sono infinite e riguardano le tipologie di rifiniture della tua casa, gli arredi, la disposizione e la varietà di illuminazioni, è possibile anche configurarne l'apertura tramite gli impianti domotici. Se siete attratti dalle innovazioni create nel settore delle automazioni per porte scorrevoli potrete sicuramente trovare la soluzione adatta a voi.

Per quanto concerne la produzioni di tali porte a livello abitativo, la nuova automazione magnetica per porte scorrevoli a scomparsa con portata massima di circa 50 kg, potrebbe essere la soluzione ai vostri problemi. La struttura di scorrimento è a binario con magneti fissi, con comando che può essere abbinato ad un sensore ad infrarossi inserito, ma diversamente pure ad un sistema touch screen e ad un telecomando, questo si può adoperare anche per prediligere alcuni ordini di funzionamento particolari come il funzionamento notturno, con la minima rumorosità.

È presente nell'impianto una scheda elettronica di comando e controllo tipo un microprocessore e medianti i tasti a bordo permette di normalizzare le velocità di apertura e di chiusura, il tempo dovuto per la richiusura automatica, la coordinazione della bassa velocità di avvicinamento, lo spazio dei rallentamenti e le varie regole di funzionamento.

Un'importante caratteristica per quanto riguarda la sicurezza vede la forza imprescindibile di movimentazione, determinata ad un valore che non superi i 220N per eludere il pericolo di intrappolamento. Installabile su porte con luce da 70 cm a 100 cm, tale meccanismo di installazione è semplice, anche su porte già esistenti. Montaggio semplificato al massimo e facilità di impiego dell'automatismo per porte scorrevoli, duttile, per agevolare la semplicità di impiego necessaria per un sistema di questo tipo, l'apertura automatica è attivabile mediante sensori. Tali porte scorrevoli presentano anche la funzione che consente di aprirle e chiuderle a velocità ridotta usando un quantitativo inferiore di energia.

 

Serrature porte blindate: pro e contro delle varie tipologie

Serrature porte blindate Firenze: 366.7272279

28 gennaio 2016

È importante, oltre a proteggere la propria casa con ottimi sistemi di sicurezza, tutelare anche il proprio giardino, il luogo in cui ci si ritira per concedersi una pausa dallo stress giornaliero. Dunque essendo uno spazio privato è necessario isolarlo dalle proprietà circostanti mediante adeguati elementi di separazione.

Si possono rintracciare svariate possibilità come muri di recinzione oppure altri tipi di recinzioni leggere, queste ultime sono da costruire con specifiche caratteristiche di altezza e di permeabilità visiva in quanto così è deliberato nei regolamenti edilizi. A tal proposito si materializza l'esigenza di ingaggiare un eccellente fabbro che esegua il lavoro in termini di tempo brevi e con ottimi risultati.

La nostra azienda è dotata di personale qualificato che sarà entusiasta di esaudire le vostre richieste. Inoltre non bisogna dimenticare che qualora si volesse installare una recinzione, oltre all'utilità di quest'ultima va considerata la funzione decorativa che va ad assumere incorniciando l'abitazione ed il vostro giardino. Largo spazio alla fantasia dunque per lavorare sulla tipologia del disegno, sulla scelta dei materiali e sui trattamenti superficiali di finitura. Non a caso, la recinzione è il primo contatto visivo con un giardino e, quando realizzata con particolare qualità progettuale, può rubare la scena al giardino stesso alle volte.

Nel settore delle recinzioni abbiamo raggiunto una notevole esperienza. Nell'ambito di recinzioni per l'edilizia residenziale, settore nel quale le richieste di prestazioni qualitative sono congiunte a particolari qualità estetiche, quindi estetica ed efficienza sono strettamente connesse tra loro. Le recinzione sono debitamente progettate e realizzate per salvaguardare case e giardini, dunque una certa cura è riservata ai materiali prescelti, resistenti alla corrosione degli agenti atmosferici, caratteristiche funzionali a cui si accostano linee classiche o moderne per personalizzare la propria recinzione.

Per risultare un sistema completo in tutto e per tutto, è possibile abbinare ad una recinzione uno speciale e ben progettato cancello pedonale coordinato.Per l'installazione della recinzione del tuo giardino rivolgiti solo a personale qualificato.

 

Recinzioni per giardini

Recinzioni Firenze: 366.7272279

14 gennaio 2016

È importante, oltre a proteggere la propria casa con ottimi sistemi di sicurezza, tutelare anche il proprio giardino, il luogo in cui ci si ritira per concedersi una pausa dallo stress giornaliero. Dunque essendo uno spazio privato è necessario isolarlo dalle proprietà circostanti mediante adeguati elementi di separazione.

Si possono rintracciare svariate possibilità come muri di recinzione oppure altri tipi di recinzioni leggere, queste ultime sono da costruire con specifiche caratteristiche di altezza e di permeabilità visiva in quanto così è deliberato nei regolamenti edilizi. A tal proposito si materializza l'esigenza di ingaggiare un eccellente fabbro che esegua il lavoro in termini di tempo brevi e con ottimi risultati.

La nostra azienda è dotata di personale qualificato che sarà entusiasta di esaudire le vostre richieste. Inoltre non bisogna dimenticare che qualora si volesse installare una recinzione, oltre all'utilità di quest'ultima va considerata la funzione decorativa che va ad assumere incorniciando l'abitazione ed il vostro giardino. Largo spazio alla fantasia dunque per lavorare sulla tipologia del disegno, sulla scelta dei materiali e sui trattamenti superficiali di finitura. Non a caso, la recinzione è il primo contatto visivo con un giardino e, quando realizzata con particolare qualità progettuale, può rubare la scena al giardino stesso alle volte.

Nel settore delle recinzioni abbiamo raggiunto una notevole esperienza. Nell'ambito di recinzioni per l'edilizia residenziale, settore nel quale le richieste di prestazioni qualitative sono congiunte a particolari qualità estetiche, quindi estetica ed efficienza sono strettamente connesse tra loro. Le recinzione sono debitamente progettate e realizzate per salvaguardare case e giardini, dunque una certa cura è riservata ai materiali prescelti, resistenti alla corrosione degli agenti atmosferici, caratteristiche funzionali a cui si accostano linee classiche o moderne per personalizzare la propria recinzione.

Per risultare un sistema completo in tutto e per tutto, è possibile abbinare ad una recinzione uno speciale e ben progettato cancello pedonale coordinato.Per l'installazione della recinzione del tuo giardino rivolgiti solo a personale qualificato.

 

Tutte le news di fabbrofirenze.it del 2015


Tutte le news di fabbrofirenze.it del 2014


FABBRO FIRENZE: I NOSTRI SERVIZI

CONTATTI

- Indirizzo: via Francesco Baracca 209, 50127 Firenze (interno)
- Email: info@fabbrofirenze.it
- Cellulare: 366.7272279
- Whatsapp: 377.6837858
- Telefono fisso: 055.3234070
- Per urgenze: 393.0134697
- Google+: Fabbro Firenze
- Facebook: Fabbro Firenze